Tutto questo finirà. Non sappiamo né quando né come, ma il futuro è alle porte e oggi dobbiamo iniziare a costruirlo. Ognuno per sé e tutti insieme per creare nuove prospettive.

Tutto questo finirà. Non sappiamo né quando né come, ma il futuro è alle porte e oggi dobbiamo iniziare a costruirlo. Ognuno per sé e tutti insieme per creare nuove prospettive.

Diteci con un testo o con un video, anche restando anonimi, la prima o le prime cose farete una volta fuori: dove andrete, chi vorreste abbracciare, se inizierete quel progetto tenuto da troppo tempo nel cassetto oppure se tornerete semplicemente alla normalità, al lavoro, agli hobby e alle persone di sempre. Qui sotto troverete tutti i propositi che gli utenti ci hanno già inviato. Ti invitiamo a dargli un’occhiata e a condividere anche i tuoi!

Diteci con un testo o con un video, anche restando anonimi, la prima o le prime cose che vorrete fare una volta fuori: dove andrete, chi vorreste abbracciare, se inizierete quel progetto tenuto da troppo tempo nel cassetto oppure se tornerete semplicemente alla normalità, al lavoro, agli hobby e alle persone di sempre. Qui sotto troverete tutti i pensieri che gli utenti ci hanno già inviato. Ti invitiamo a dargli un’occhiata e a condividere anche i tuoi!

Se volete aiutarci a promuovere la compagna e a parlare del futuro anche sui social, potreste postare una storia o un post su Instagram taggandoci @generalintellect e mettendo l’hashtag #quandouscirò.

Se volete aiutarci a promuovere la compagna e a parlare del futuro anche sui social, potreste postare una storia o un post su Instagram taggandoci @generalintellect e mettendo l’hashtag #quandouscirò.


Questo è il format per inviarci testi

Solo se lo vuoi inserire, altrimenti rimarrà anonimo

Se vuoi inviarci un video di pochi secondi, caricalo qui sotto

Potete caricare file di massimo 30MB, quindi un video sui 15 secondi. Oppure più lungo, ma abbassate la qualità della ripresa. Ovviamente per mandare video bisogna essere maggiorenni. Se il video non appare subito tranquilli, ci pensiamo noi a inserirlo a breve!


Cosa ci avete inviato

Anonimo
Quando uscirò, vedrò i miei amici salutandoli come si deve. Andremo su una panchina e parleremo del più del meno, bevendo uno spritz del Chiringuito e discutendo su chi tocca pagare al biliardino. Saremo felici, con gli occhi semichiusi per far capire che dietro le mascherine stiamo sorridendo

Elisa
#QuandoUscirò spritz al Chiringuito post esame per lasciare andare ogni preoccupazione

Anonimo
#QuandoUscirò Prenderò il primo treno per andare dal mio ragazzo che è in un’altra regione. Lo stritolerò e lo soffocherò di baci.

Lucia Petrarolo
Quando uscirò, in realtà usciremo. Insieme, con i bambini.
Che correranno in discesa sul marciapiede e noi gli diremo di andare piano, ma poi anche no. E attraverseremo la strada, mano nella mano, per andare dove, chissà.
Magari al parchetto con gli amici, o a prendere un gelato.
Magari a piedi a Villa Pamphilj a fare un pic-nic e giocare agli esploratori.

Claudia Panicci
Questo tempo sospeso ha generato in me un pantano emozionale, le mie capacità di pensiero mi risultano offuscate e affaticate; quando tutto passerà vorrei prendermi del tempo per imparare nuovamente a viverlo.

Anonimo
#quandouscirò andrò da mia nonna e da mio nonno, gli dirò quanto li amo, li abbraccerò e non li lascerò più andare…
-G

Giovanna Mayer
Ormai è un mese e mezzo che non vedo i miei nipotini, quando uscirò correrò da loro per giocare e riprenderci del tempo perduto. E’ anche il mio ultimo anno di insegnante, mi spiace da morire non poter salutare i ragazzi sia quelli di classe sia i ragazzi con cui porto avanti un progetto da ormai 4 anni e che continuerà sicuramente anche dopo che avrò lasciato la scuola, so che sono in ottime mani. Ed allora un’altra cosa che farò sarà andare a mangiare una pizza o forse fare anche qualcosa di meglio con tutti i ragazzi che avranno piacere di farlo. C’è una cosa che non avevo messo in conto di fare andando in pensione, è dover lottare per una istruzione pubblica, uguale per tutti e che diventi il centro del paese. Ho paura che mi toccherà farlo.

Francesca D’Alessio
Il mio primo desiderio è correre alla mia gelateria preferita a mangiare un gelato nocciola e pistacchio con mia figlia…ma quando uscirò voglio camminare dalla Garbatella al centro di Roma e girare per le strade che sono state la mia vita di ragazza e di guida per guardare ogni piccolo dettaglio e assorbire tutto ciò che ora sogno e cerco ricordare: quella targa a via dei cappellari, il nascondiglio dell’arco degli acetari, la vista dall’alto per riconoscere le cupole di Roma, via Giulia e ponte Sisto…camminare camminare camminare sperando che ognuno di noi sappia riprendersi i tempi giusti per godere della bellezza della città.

Daniela
In questo tempo riscopro il tempo, il tempo per le piccole e grandi cose quotidiane, per i miei sogni, i miei progetti, le mie consapevolezze, le scelte, riscopro me stessa..
Quando uscirò annaffierò questo tempo, affinché diventi il mio giardino dai fiori più preziosi 

Vittoria
#quandouscirò, qualsiasi ora sarà, andrò al mio bar preferito a fare aperitivo.

Anonimo
#quandouscirò per prima cosa rivedrò il mio ragazzo, e spero di trovarmi in un mondo finalmente diverso, tra gente più consapevole…

Barbara Palmiero
#quandousciró vorrei vivere la vita di prima con il doppio della consapevolezza!

Noemi Grappone
È la prima volta che non lavoro per un tempo così lungo, nemmeno le vacanze hanno mai avuto una simile durata. Anche il mio viaggio più lungo, intercontinentale, è durato meno. Sono una di quelle, che ama lavorare, faccio la psicoterapeuta e mi manca tantissimo il contatto in presenza con i miei pazienti. Quell’accoglienza che si instaura fin dalla soglia della porta, prosegue nella stanza di terapia e va oltre, spero in un tempo infinito. Mi manca quello spazio in cui accadono “magie”, mi manca quel tempo “sospeso” in cui avviene sempre qualcosa di profondo. Una finestra di Skype sostituisce adesso tutto questo, anzi no, non lo sostituisce; crea altro ancora, che spero confinato in una stagione di un’epoca da cui imparare a “so stare”.

Isabella
Quando uscirò vorrei stare con i miei figli, che mi mancano tanto, e con tutti coloro ai quali voglio bene. Vorrei camminare in punta di piedi nella natura, ancora più consapevole che dobbiamo rispettarla

Davide
#Quandouscirò andrò nei miei luoghi preferiti per trovare ispirazione per le mie canzoni

Silvia
#Quando uscirò voglio riabbracciare tutti i miei familiari e amici, camminare scalza sul prato e sdraiarmi sull’erba godendomi il sole e il cielo!

Vanessa
#QuandoUscirò esplorerò la mia città come se non l’avessi mai vista prima

Marco Picchi
Quando uscirò esami universitari e lavoro permettendo, quando io governo lo permetterà vorrei andare con amici o anche solo a fare una passeggiata in montagna passando una giornata in mezzo alla natura



Anonimo
#QuandoUsciro’ abbraccerò la ragazza di cui sono innamorato e organizzerò qualche viaggio in posti spettacolari

Daniele
#Quandouscirò voglio spegnere il telefono e dedicarmi alle persone a cui voglio bene.

Umberto
#QuandoUscirò voglio subito andare al mare, fare una passeggiata sulla spiaggia e magari fare un bagno, se l’acqua non è troppo fredda. Ma forse che sia un po’ fredda lo spero…